Loading...

ciao, welcome :-)

in questo blog metto un po di tutto se cerchi qualcosa che non trovi chiedimelo

sabato 12 marzo 2016

Sulla rinuncia di Gherardo Colombo

Sulla rinuncia di Gherardo Colombo

La candidatura di Colombo è nata come risposta estemporanea al vuoto della proposta politica come visione e partecipazione collettiva per il futuro di Milano. Da questo punto di vista, non è dissimile, se non per la qualità indubbia della persona, dalla candidatura dei manager che coprono oltre al vuoto politico anche gli interessi consociativi  e finanziari. Che la candidatura di Sala esca dai grandi salotti e dalle stanze di Palazzo Chigi non è così diverso, nella sua logica, dalla candidatura di Colombo che esce da piccoli salotti  se pur specchiati. Uscire dalle gabbiette identitarie della marginalità prepotente richiede un atto di apertura e di generosità capace di andare oltre i piccoli perimetri ideologici e antropologici. Chi non vuole la ridotta marginale del voto- contro, chi non vuole essere ridotto a elettore/ spettatore del voto utile deve generosamente mettersi in gioco uscendo dal suo particolare e avendo il coraggio di rischiare, mettendosi in relazione con culture e linguaggi differenti dal proprio. Colombo e chi l'ha proposto non si sono assunti il rischio. Probabilmente torneranno al voto utile come quando hanno appoggiato la Balzani nelle primarie del PD e di Sala. Questa non è una responsabilità minore di chi sta nei piccoli perimetri identitari e cala da Roma o da Bruxelles il candidato.

Nessun commento:

Posta un commento