Loading...

ciao, welcome :-)

in questo blog metto un po di tutto se cerchi qualcosa che non trovi chiedimelo

mercoledì 28 novembre 2012

Unioni Civili a Buccinasco

COMUNICATO STAMPA

DEL GRUPPO CONSILARE COALIZIONE CIVICA BUCCINASCO

Fiorello Cortiana Filippo Errante

“Il Registro delle Unioni Civili è un atto di buon senso e di rispetto verso tutti i cittadini di Buccinasco”

“Il Consiglio Comunale di Buccinasco ha approvato con una significativa maggioranza trasversale la proposta di deliberazione e di regolamento sull’istituzione del Registro delle Unioni Civili da noi presentata lo scorso settembre
. E’ un atto significativo che si è definito con il contributo e gli emendamenti di tanti consiglieri e dei cittadini di Città Ideale, attraverso i lavori aperti e partecipati della Commissione Statuto.
Per noi non si tratta di un surrogato del matrimonio ma innanzitutto del riconoscimento di una reciproca assunzione di responsabilità tra due persone legate da un rapporto affettivo, indipendentemente dal loro genere sessuale.
Il Comune senza discriminazione e nel pieno rispetto del dettato costituzionale italiano ed europeo, nonché del pronunciamento della Corte Costituzionale e della Cassazione, estenderà anche alle coppie di fatto riconosciute e verificate l’accesso ai servizi sociali, casa e sanità, propri delle prerogative comunali.
Dopo la decisione del Consiglio Comunale di Milano, la deliberazione di quello di Buccinasco contribuisce a prefigurare la Città Metropolitana e il suo Statuto come garanzia della dignità dei propri cittadini senza discriminazioni.”

28/11/2012

6 commenti:

  1. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  2. quanto costerà "verificare" quali sono di fatto le "coppie di fatto". Si è calcolato quale aumento dei costi comporterà questo provvedimento?
    Questi costi come verranno coperti? Con nuove tasse ? Pagate da chi? Da chi ama fare progetti a lungo o a breve termine?

    RispondiElimina
  3. "nel pieno rispetto del dettato costituzionale italiano ed europeo"

    Esiste una costituzione europea? sapete che mi era sfuggito?

    RispondiElimina
  4. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  5. “Il Registro delle Unioni Civili è un atto di buon senso e di rispetto verso tutti i cittadini di Buccinasco”

    personalmente credo che vi siano molte altre realtà di cittadini che non hanno nessun riconoscimento pubblico e che, secondo questa logica, non stanno ricevendo nessun atto di rispetto da parte di chi amministra il Comune.

    RispondiElimina
  6. Vorrei segnalare a tutte le persone conviventi che questo provvedimento non ha alcun valore giuridico: non aggiunge nulla a quanto potevano già fare, ed anzi per avere garantiti i loro diritti personali legati alla convivenza è opportuno che utilizzino strumenti adeguati, già previsti dalla giurisdizione italiana anche senza questo provvedimento per me insulso.
    Strumenti i cui effetti valgono su tutto il territorio nazionale, e non cessano appena uscite dal comune dove vivete. Non cessano nemmeno se per ragioni di forza maggiore non potete più coabitare per un certo periodo.
    In particolare:
    - per accedere alle informazioni sanitarie in caso di ricovero del convivente presso una struttura ospedaliera;
    - per esercitare diritti di eredità in caso di morte prematura del convivente, come ereditare il fondo pensione, immobili, patrimonio, diritti assicurativi;

    ecco, per usufruire di tutto ciò, per chi non si può o non si vuole sposare, in Italia uno strumento sicuro c'è ed è inattaccabile sul piano giuridico: sono gli atti privati presso un notaio, cioè un testamento.

    Naturalmente questo richiede un atto esplicito, che in qualche modo non è in armonia con lo stile "libero" di chi sceglie di convivere (anche se non tutti lo scelgono), e non credo che sia un peso per chi vorrebbe sèosarsi ma non può: in fondo il matrimonio è ben più di una atto esplicito.

    Infatti i diritti in questione sono molto delicati e, come si può capire, devono necessariamente passare per procedure rigorose, che non possono essere sostituite da un "attestato" rilasciato tramite auto-dichiarazione presso uno sportello comunale senza competenze giuridiche o notarili.
    In cambio, facendo così, sarete tutelati voi ed anche chi invece tutto questo non lo vuole, ma vuole solo convivere. E vi risparmierete una serie di lungaggini previste invece da questo provvedimento-farsa, come i controlli annuali da parte del personale comunale, le notifiche scritte del comune in caso in cui il vostro partner decida di cancellarsi dal registro, e farete risparmiare anche un po' di soldi e di tempo all'amministrazione, lasciando il personale a lavorare su ciò per cui è preposto e magari con effetti più concreti.
    Desidero salutare tutti, conviventi, sposati, eterosessuali e non, ringraziandovi per l'attenzione arrecata a questo post.

    RispondiElimina